Pandanews

Aiutiamo l'avifauna nei mesi più freddi

Qualche consiglio del WWF per aiutare i piccoli uccelli a superare il rigido clima invernale

Consigli per aiuti alimentari agli amici alati nel periodo più freddo

Piccoli gesti alla portata di tutti possono essere un aiuto prezioso per l’avifauna che durante l’inverno, a causa delle prime nevicate e delle basse temperature, può trovarsi in difficoltà. Come ogni anno il WWF ricorda le accortezze da seguire per attivare le mangiatoie e dare sostegno a questi animali nella stagione fredda. Fornendo con regolarità cibo dalle nostre case, terrazzi o giardini potremo dare un supporto all’avifauna: semi, frutta o biscotti andranno benissimo per i piccoli uccelli.
Le mangiatoie possono essere di vario tipo, costruite in legno e posizionate su un palo, acquistate nei negozi specializzati, ma anche realizzate in modo semplice e creativo usando materiale di recupero. In rete si possono trovare molti esempi e suggerimenti per la costruzione e il corretto funzionamento delle mangiatoie.

Come costruire una casetta- nido per uccelli

Le mangiatoie dell’Oasi di Penne in diretta grazie alla webcam

Passeri, cince, merli, storni, pettirossi, fringuelli, codirossi, ma anche tantissime altre specie meno comuni potranno venire a farci visita… si rimarrà stupiti dalla grande biodiversità presente così vicino a noi. Collegandosi al sito si potranno osservare in tempo reale, grazie alle webcam appositamente istallate, le mangiatoie dell’Oasi WWF e Riserva regionale Lago di Penne, un esempio di quanta vita e quante specie possono ritrovarsi intorno a un semplice punto di alimentazione.
Grazie alle mangiatoie potremo, inoltre, osservare queste specie più da vicino e, senza disturbarle, imparare a riconoscerne le caratteristiche e il comportamento.

L’infografica realizzata dal WWF Abruzzo raccoglie le informazioni per il corretto funzionamento delle mangiatoie.

Le mangiatoie possono essere realizzate anche in casa riutilizzando bottiglie di plastica, contenitori per il latte o per i succhi di frutta

Quale cibo per l’inverno

Frutta matura, bacche, miscele di semi (canapa, miglio, avena, girasole), frutta secca, arachidi non salate. Ma anche avanzi di panettone, lardo, strutto o margarina mischiati con briciole dolci e semi misti faranno al caso nostro per fornire una fonte proteica indispensabile in inverno. Anche camole della farina o mangimi per insettivori possono essere graditi.

No pane, cibi salati o piccanti. Aggiungere una piccola ciotola con l’acqua da tenere sempre pulita.

Le mangiatoie vanno istallate in inverno da dicembre a marzo, nel periodo in cui gli animali hanno maggiori difficoltà ad alimentarsi. La fornitura di cibo va gradualmente diminuita con l’arrivo della primavera e sospesa del tutto durante le stagioni più calde.
• Mantenere la mangiatoia sempre pulita eliminando il cibo che non viene consumato per evitare la produzione di muffe e il propagarsi di infezioni che possono essere molto dannose per gli uccelli.
• Non interrompere mai la somministrazione di cibo per tutta la stagione invernale, gli uccelli si abitueranno a trovare nella nostra mangiatoia un punto certo per alimentarsi.
• Fare attenzione a non usare nella mangiatoia materiali taglienti o oggetti nei quali gli uccelli potrebbero impigliarsi e rimanere bloccati come le retine.

La natura chiama. E a volte scrive anche. Iscriviti alla newsletter WWF

Utilizziamo cookie tecnici, indispensabili per permettere la corretta navigazione e fruizione del sito nonché, previo consenso dell’utente, cookie analitici e di profilazione propri (denti di prima parte) e di terze parti, che sono finalizzati a mostrare messaggi pubblicitari collegati alle preferenze degli utenti, a partire dalle loro abitudini di navigazione e dal loro profilo. È possibile configurare o rifiutare i cookie facendo clic su “Configurazione dei cookie”. Inoltre, gli utenti possono accettare tutti i cookie premendo il pulsante “Accetta tutti i cookie”. Per ulteriori informazioni, è possibile consultare la nostra cookies policy.