Pandanews

Il conto che paghiamo al Climate Change

Siccità e alluvioni, due facce della stessa medaglia. In occasione della Giornata mondiale dei fiumi scopriamo perché consumo di suolo e urbanizzazione sono alla base della "tempesta perfetta"

Dall’emergenza siccità alle alluvioni

I tragici fatti di questi giorni che hanno colpito le Marche hanno riportato l’attenzione sulla crisi climatica in atto e sulla estrema vulnerabilità del nostro territorio, martoriato da decenni di cattiva gestione. Siamo improvvisamente passati dall’emergenza siccità a quella alluvioni. Ma sono due facce della stessa medaglia. Gli oltre 400 millimetri di pioggia caduti su quella regione in poche ore non devono farci dimenticare la siccità peggiore degli ultimi 70 anni.

Alluvione nelle Marche, settembre 22
Le alluvioni nelle Marche lo scorso 16 settembre

Ma questa altalena tra fenomeni estremi rispecchia la prevista evoluzione del cambiamento climatico nella regione mediterranea che è – e sarà sempre più – interessata da drammatiche ondate di calore alternate a precipitazioni intense, concentrate in breve tempo.

25 settembre, Giornata mondiale dei fiumi

Ma non possiamo dare la colpa di ciò che è successo al solo cambiamento climatico. Negli ultimi anni abbiamo fatto di tutto per costruire una ‘tempesta perfetta’, canalizzando in maniera eccessiva gli alvei fluviali, impermeabilizzando con cemento e asfalto (ovvero “consumando”) il suolo a ritmi altissimi. In vista del World Rivers Day – ogni anno il 25 settembre- il WWF lancia l’allarme.

Negli ultimi 50 anni circa 2.000 km2 di aree di esondazione naturali hanno subito varie forme di urbanizzazione con trasformazioni più intense lungo le sponde dei fiumi, dal 3,56% al 25,7%. In ogni regione abbiamo costretto i corsi d’acqua in alvei ristretti e ridotte le zone di esondazione naturale, ormai totalmente insufficienti a contenere le piene. Il consumo di suolo non si è mai fermato, come evidenziato anche dall’ISPRA: entro i 150 metri dai corpi idrici a livello nazionale abbiamo consumato l’8,3% di suolo, un dato salito tra il 2020 e il 2021 dello 0,27%. Solo negli ultimi due anni (tra l’altro caratterizzati da un rallentamento dell’economia dovuto alla pandemia, il consumo di suolo è aumentato del 34%. Dobbiamo anche ricordare che la scomparsa del suolo, importante sink di carbonio, accelera il cambiamento climatico.  

Distruzione di fiumi

Si è detto che una delle cause del disastro è la mancanza di “pulizia dei fiumi”. È vero solo in parte. Il bacino del Misa, piccolo e stretto, è molto sensibile e vulnerabile a questi eventi e, come è accaduto per gran parte del reticolo idrografico minore, non è stato gestito adeguatamente. Ma anche se l’alveo fosse stato pulito la quantità d’acqua rovesciata in così poco tempo su quei territori sarebbe comunque esondata. È importante anche considerare la modalità con cui si realizza la cosiddetta “manutenzione idraulica” dei fiumi: questa è spesso legata al meccanismo perverso della convenienza economica che favorisce principalmente interventi capaci di “autofinanziarsi” attraverso, ad esempio, la vendita del materiale estratto (sabbie o ghiaie) dagli alvei o legna nel caso del taglio degli alberi dalle sponde. Una logica che porta a interventi sbagliati. 

Gli impatti della crisi climatica

La crisi climatica amplifica e mette in evidenza tutti gli errori che abbiamo perpetuato nella gestione del territori: distruzione degli ambienti ripariali, modifiche idrauliche dei corsi d’acqua con aumento della loro capacità erosiva, alterazione dell’equilibrio del trasporto solido portando spesso ad un aumento del rischio idrogeologico e della perdita di importanti servizi ecosistemici. Tornando al fiume Misa, è difficile comprendere come opere previste da decine di anni, come le casse di laminazione, che avrebbero potuto ridurre drasticamente il rischio idrogeologico, con risorse economiche disponibili fin dal 2014, non siano state realizzate. Non è servito l’evento disastroso del 2014 per smuovere le istituzioni. L’area è stata identificata dalla regione Marche a rischio idrogeologico molto elevato (R4) nel Piano di assetto idrogeologico regionale. Eppure parte degli abitati ricadono nelle aree a maggior rischio idrogeologico.  Chi ha permesso tutto questo? Altre 11 persone hanno perso la vita  e, nonostante le indagini c’è il rischio che anche questa volta non pagherà nessuno e si continuerà a non fare ciò di cui abbiamo bisogno. 

Abbiamo invocato più volte la necessità di una regia unitaria in capo alle Autorità di distretto che dovrebbe coordinare, programmare e attuare le azioni prioritarie nel bacino idrografico ed eventualmente esercitare poteri sostitutivi quando gli enti locali si rivelano inefficienti. Al livello nazionale, la politica di adattamento ai cambiamenti climatici, ancora mai avviata realmente, deve promuovere una diffusa rinaturalizzazione capace di ‘liberare’ lo spazio dei fiumi, recuperando gli indispensabili servizi ecosistemici capaci di rispondere ai prolungati periodi di siccità e alle precipitazioni intense.

Andrea Agapito Ludovici, Responsabile Acque WWF Italia

Il Piano di adattamento fermo al 2017

Il Piano Nazionale di adattamento ai Cambiamenti Climatici è fermo dal 2017 e dovrebbe finalmente essere approvato e reso operativo. Infine, dobbiamo dare seguito agli impegni presi in sede internazionale, iniziando ad applicare a pieno le direttive quadro Acque (2000/60/CE) e Alluvioni (2007/60/CE) e la Strategia Europea per la biodiversità che prevede che vengano riqualificati, recuperandone la continuità ecologica, 25.000 km di fiumi in Europa.

Gli appuntamenti per il World Rivers Day

Nell’ambito di Ri-Party-Amo, l’iniziativa nata dalla collaborazione tra WWF, Intesa Sanpaolo e Jova Beach Party, Domenica 25 (World Rivers Day) sono 3 gli appuntamenti principali per giornate di pulizia delle sponde di fiumi.

  • Pulizie di fiumi e laghi in Italia
    Pulizie di fiumi e laghi in Italia

    Gli appuntamenti di Ri-Party-Amo per domenica 25 settembre

La natura chiama. E a volte scrive anche. Iscriviti alla newsletter WWF

Utilizziamo cookie tecnici, indispensabili per permettere la corretta navigazione e fruizione del sito nonché, previo consenso dell’utente, cookie analitici e di profilazione propri (denti di prima parte) e di terze parti, che sono finalizzati a mostrare messaggi pubblicitari collegati alle preferenze degli utenti, a partire dalle loro abitudini di navigazione e dal loro profilo. È possibile configurare o rifiutare i cookie facendo clic su “Configurazione dei cookie”. Inoltre, gli utenti possono accettare tutti i cookie premendo il pulsante “Accetta tutti i cookie”. Per ulteriori informazioni, è possibile consultare la nostra cookies policy.