Pandanews

Clima, siamo alla frutta

Il report WWF denuncia gli impatti del cambiamento climatico su agricoltura e produzione alimentare

Il cambiamento climatico colpisce l’agricoltura italiana, report WWF


Siccità, nubifragi e caldo record finiscono sulle tavole degli italiani con cibo in minor quantità e prezzi alle stelle. Per miele (-95%) e frutta cali record: una pera su 4 è andata perduta a causa di eventi climatici estremi.

Scittità, Alex Fox ©Pixabay

L’SOS clima giunge anche sulle nostre tavole. Gli effetti del cambiamento climatico si ripercuotono sul mercato dell’ortofrutta italiano e sulle nostre tavole.

Giornata mondiale dell’Alimentazione

Oggi, in occasione della Giornata Internazionale dell’Alimentazione, il WWF lancia il report “2021 effetto clima: l’anno nero dell’agricoltura italiana” per segnalare come il clima abbia inciso drammaticamente sulla produzione di alcuni prodotti tipici del nostro territorio e i prezzi siano schizzati alle stelle. Danni enormi per la produzione, con cali fino al 95% per il miele e dell’80% per l’olio. Con potenziali ripercussioni anche per la disponibilità di prodotti agro-alimentari sui mercati locali: i consumatori potrebbero essere gravemente colpiti dall’aumento dei prezzi dei beni alimentari quali frutta e verdura, alla base delle diete sostenibili. Complessivamente, gli eventi climatici estremi sono costati al comparto agricolo circa 14 miliardi di Euro negli ultimi 10 anni.

2021, anno internazionale della frutta

Nel decennio dedicato dalle Nazioni Unite alla nutrizione (2016-2025) , il 2021 è celebrato dalla FAO come l’anno internazionale della frutta. Tristemente questa ricorrenza coincide con quello che viene definito da molti “l’anno nero dell’ortofrutta italiana”.

Il report lanciato oggi dal WWF evidenzia come nella regione mediterranea il riscaldamento superi del 20% l’incremento medio globale della temperatura, ponendo il nostro Paese in una posizione di particolare vulnerabilità rispetto agli effetti del cambiamento climatico.

1500 eventi estremi nel 2021


Il peso del cambiamento climaticosull’agricoltura e sulle tavole d’Italia
Con circa 1500 eventi estremi, il 2021 fa registrare in Italia un aumento del 65% di nubifragi, alluvioni, trombe d’aria, grandinate e ondate di calore rispetto agli anni precedenti. Secondo i dati riportati dal WWF, alcune colture sono state penalizzate in modo generalizzato, come il miele che è arrivato a perdere addirittura il 95% della produzione rispetto all’anno precedente e la frutta che vede un calo medio del 27%, con picchi di – 69% come quello registrato dalle pere. In pratica più di un frutto su quattro è andato perduto a causa degli effetti di eventi estremi e imprevedibili quali gelate, siccità e grandinate.

Nocciole e noci © Ola Jennersten WWF-Sweden

Ma anche il riso (-10%), il vino (che in alcune regioni ha subìto cali fino al 50%) e l’olio, che ha fatto registrare – a fronte di un + 15% nazionale molto lontano dalla crescita attesa – riduzioni fino all’80% nelle regioni del centro-nord, nell’anno che doveva segnare invece una produzione in crescita rispetto al precedente. Anche le filiere di trasformazione sono state messe in crisi: il caldo torrido di questa estate ha accelerato la maturazione del pomodoro, superando la capacità logistica per raccoglierlo, trasportarlo e lavorarlo: il 20% del raccolto è andato così perduto.

“La crisi climatica, con i suoi molteplici effetti, sta minacciando la capacità produttiva dei sistemi agricoli a livello globale, compromettendo la loro capacità di nutrire adeguatamente l’umanità. È necessario affrontare questo cambiamento in maniera coerente e coordinata. I nostri comportamenti a tavola e fuori sono determinanti, non possiamo più ignorare il nostro ruolo all’interno del sistema globale”, afferma Eva Alessi, Responsabile Sostenibilità del WWF Italia.

Il caos climatico compromette le produzioni agricole, ma allo stesso tempo la produzione, distribuzione e consumo di cibo lavorano come cause dirette del cambiamento climatico: basti pensare che il sistema alimentare contribuisce per circa il 37% alle emissioni di gas serra, di cui ben un terzo è legato agli sprechi alimentari, fenomeno in costante crescita.

La natura chiama. E a volte scrive anche. Iscriviti alla newsletter WWF

Utilizziamo cookie tecnici, indispensabili per permettere la corretta navigazione e fruizione del sito nonché, previo consenso dell’utente, cookie analitici e di profilazione propri (denti di prima parte) e di terze parti, che sono finalizzati a mostrare messaggi pubblicitari collegati alle preferenze degli utenti, a partire dalle loro abitudini di navigazione e dal loro profilo. È possibile configurare o rifiutare i cookie facendo clic su “Configurazione dei cookie”. Inoltre, gli utenti possono accettare tutti i cookie premendo il pulsante “Accetta tutti i cookie”. Per ulteriori informazioni, è possibile consultare la nostra cookies policy.