Pandanews

COP26, la bozza di accordo fa passi indietro

Serve un'azione a breve termine per eliminare tutti i sussidi ai combustibili fossili. Il WWF si aspettava un testo più forte

Rivista la bozza di un possibile accordo

La bozza di un possibile accordo, che era stata presentata alla COP26  è stata rivista e ha fatto passi indietro rispetto ad alcune aree chiave. Lo afferma il WWF, che di fronte all’emergenza climatica, aveva considerato il testo precedente come una base di partenza e si aspettava diventasse più forte e concreto nelle aree cruciali.

Basta sussidi ai fossili

L’eliminazione accelerata dell’energia elettrica a carbone e dei sussidi inefficienti per i combustibili fossili è notevolmente più debole rispetto a quella del testo precedente, ma rappresenta comunque un segnale importante. Se vogliamo assicurarci di mantenere il riscaldamento globale entro 1,5°C, è urgente l’eliminazione di tutto il carbone e di tutti i sussidi per i combustibili fossili, con delle scadenze precise per l’attuazione. 

Serve un’azione a breve termine

Il WWF accoglie con favore l’intenzione di innalzare gli impegni sul clima entro il 2022, che continua ad essere presente nel testo, ma non è ancora allineato a 1,5℃. Questo impegno deve essere accompagnato da un’azione a breve termine, per esempio, accettando di eliminare gradualmente le migliaia di miliardi spesi ogni anno per sovvenzionare i combustibili fossili, che potrebbero servire a raggiungere i 100 miliardi di dollari che le parti non sono riuscite a raggiungere durante questi negoziati a Glasgow.

Il ruolo cruciale della natura

È comunque incoraggiante che il nuovo testo sottolinei il ruolo cruciale della natura nel raggiungimento dell’obiettivo fissato dell’Accordo di Parigi. La scienza parla chiaro: non esiste una strada percorribile per limitare il riscaldamento globale a 1,5C senza la natura.  È vitale che le parti assicurino che questa dicitura rimanga nel testo finale. Il WWF apprezza anche la raccomandazione ai governi di incorporare la natura nei loro piani d’azione nazionali per il clima.

  • COP26, finale deludente
    COP26, finale deludente

    Ma rimane una finestra aperta per stare dentro 1,5°C

La natura chiama. E a volte scrive anche. Iscriviti alla newsletter WWF

Utilizziamo cookie tecnici, indispensabili per permettere la corretta navigazione e fruizione del sito nonché, previo consenso dell’utente, cookie analitici e di profilazione propri (denti di prima parte) e di terze parti, che sono finalizzati a mostrare messaggi pubblicitari collegati alle preferenze degli utenti, a partire dalle loro abitudini di navigazione e dal loro profilo. È possibile configurare o rifiutare i cookie facendo clic su “Configurazione dei cookie”. Inoltre, gli utenti possono accettare tutti i cookie premendo il pulsante “Accetta tutti i cookie”. Per ulteriori informazioni, è possibile consultare la nostra cookies policy.