WWF Italy - Ambiente
 / ©: Michel Roggo / WWF

Ambiente

Difendiamo l'ambiente da oltre 50 anni

La biodiversità oggi presente sulla Terra è frutto di 3,5 miliardi di anni di evoluzione. Difendere l'ambiente è un nostro dovere verso la vita.
Dalle foreste pluviali alle barriere coralline, dalle foci dei grandi fiumi ai deserti: gli ambienti terrestri racchiudono tutta la magia dell’evoluzione, per un patrimonio naturale inestimabile.

È qui, nelle culle di tutte le civiltà, che il WWF opera in difesa dell'ambiente da oltre 50 anni. Combinando esperienze dirette e studi minuziosi, ha identificato una rete di ambienti a rischio a partire dalle specie animali e vegetali prioritarie. Il risultato ha un nome e un numero: Global 200, ovvero le aree del Pianeta in cui è più urgente intervenire.

Gli ambienti a rischio sono per l’esattezza 238, e sono state chiamate “ecoregioni”: da sole custodiscono il 90% della biodiversità mondiale. Si dividono in 142 ambienti terrestri, 53 di acqua dolce e 43 marine, e sono ecosistemi ricchi di specie animali e vegetali. Tesori inestimabili, patrimoni comuni da tutelare e consegnare alle generazioni future.

L'Italia, uno dei Paesi più ricchi di ambienti, piante e animali, è inclusa in 2 delle 238 ecoregioni del Pianeta: Alpi e Mediterraneo

La natura ha bisogno del tuo sostegno. Aiuta il WWF a difendere l'ambiente! Dona ora!


                                     

Lotta per l'ambiente in Italia

In Italia, vista la ricchezza degli ecosistemi, la lotta del WWF per l'ambiente ha portato a buoni risultati: parchi e riserve naturali coprono oggi circa l’11% dell’intero territorio nazionale, mentre si arriva al 20% se si tiene conto anche di altri vincoli, a cominciare da quelli ancora potenziali della Rete Natura 2000 dell’Unione Europea.

Tantissimi sono i progetti e le attività svolte dall'Associazione nelle aree protette italiane: parchi nazionali, regionali, riserve naturali terrestri e marine.

Il WWF è sempre in prima linea nella tutela dell'ambiente, basti pensare al Sistema delle Oasi italiane che costituisce un patrimonio naturale unico al mondo, o all'ecoturismo, alla tutela legale dei parchi o ai programmi di educazione.

Global 200

 “La mappa delle Global 200 rappresenta un importante contributo per la conservazione della biodiversità planetaria. Io attribuisco grande importanza a un’azione internazionale su questo tema; nessun paese è immune dagli effetti della perdita della biodiversità e nessuna nazione può fare a meno di collaborare per combattere le minacce che oggi incombono”. Con queste parole Kofi Annan, Segretario Generale delle Nazioni Unite, ha approvato il progetto targato WWF che ha individuato oltre 200 “ecoregioni” su cui concentrare gli sforzi mondiali per tutelare l'ambiente.
Condividi Facebook Icon Google Plus Icon