WWF Italy - Acqua

Acqua

Il fiume Tagliamento / ©: WWF Austria/A. Mohl
Il fiume Tagliamento
© WWF Austria/A. Mohl

Il WWF per la tutela delle acque

Il WWF Italia è impegnato da sempre nel campo della difesa del suolo, tutela dei fiumi e governo delle acque.

Il WWF Italia è impegnato da sempre nel campo della difesa del suolo, tutela dei fiumi e governo delle acque con campagne di sensibilizzazione nazionali (1980 la discesa del Po, 1990 campagna fiumi) e internazionali (livingrivers 2001), con attività di educazione ambientale specifiche (“Classi controcorrente” 2002), denunce puntuali di abusi sul territorio, proposte di aree protette e gestione diretta di Oasi “acquatiche” (fluviali, zone umide, sorgenti…), accordi con altri soggetti per promuovere la riqualificazione fluviale (“Patto per i fiumi” con Giovani Imprenditori di Confindustria e Coldiretti, 2001) e la gestione naturalistica del reticolo idrografico (accordo con Associazione Produttori di Energia da Fonti Rinnovabili, 2005; accordo con Associazione Nazionale Bonifiche ed Irrigazioni, 2006; Spinning Club Italia 2011).

Nel 2010 ha promosso una campagna per la tutela dei fiumi e delle acque in Italia per ribadire e rilanciare la richiesta di un impegno forte e diretto a tutte le istituzioni nel garantire il mantenimento o il raggiungimento del “buono stato ecologico” degli ecosistemi d’acqua dolce entro il 2015, come previsto dalla Direttiva europea sulle acque 2000/60/CE e per favorire l’applicazione della Direttiva europea sul rischio alluvioni 2007/60/CE.  

L’acqua è un bene comune e per questo il WWF è stato tra i promotori di progetti di legge per il “diritto all’acqua” (2007) e ha appoggiato il referendum sulla gestione dei servizi idrici, poi vinto, del 12/13 giugno 2011.

Il WWF Internazionale, attraverso il proprio programma “Freshwater”,  si batte per la tutela delle più importanti riserve d’acqua del pianeta dei più grandi bacini idrografici come in Amazzonia o nel bacino del Niger o del Congo, perché la tutela degli ecosistemi acquatici e il corretto governo delle acque è anche indispensabile per garantire un’efficace risposta al cambiamento climatico in atto.




Dissesto idrogeologico: interessante articolo del "corriere della sera"

APPELLO NAZIONALE PER LA SALVAGUARDIA DEI CORSI D’ACQUA DALL’ECCESSO DI SFRUTTAMENTO IDROELETTRICO