Ambiente, flora e fauna | WWF Italy

Ambiente, flora e fauna

Ambiente

L’area fa parte del Parco Regionale Oglio Sud, si sviluppa a ferro di cavallo e il cuore dell’Oasi è rappresentato dalla palude, dove vive uno degli anfibi più rari d’Europa: la rana di Lataste.

In quest’Oasi è d’obbligo il binocolo: è possibile avvistare centinaia di uccelli, tra cui anatre, limicoli, aironi. Vivono nell’Oasi 24 specie di mammiferi, tra cui il raro mustiolo etrusco.

Mantenere questa Oasi è importante perché continui a raccontare ai nostri figli com’era la natura italiana di un tempo.Il resto dell’area è occupato impianti di arboricoltura da legno realizzati con alberi e arbusti autoctoni e da aree dove sono in corso interventi di rinaturalizzazione promossi dal WWF al termine delle attività agricole.
In questa maniera l’area di interesse naturale (zone umide e boschi) è aumentata nettamente nel decennio 1995-2005.

Nell'inverno 2011-2012 un'altra area coltivata a pioppi fino a fine 2008 è stata riconvertita a bosco d'alto fusto su una superficie di circa 12 ettari. 

Curiosità

 
	© F. Cecere
 

Flora e fauna

Interessante la fascia boscata e il canneto presenti nella zona umida dove è anche possibile osservare ampie distese di nannufaro (o ninfea gialla) o “tappeti” di salvinia natante o erba pesce.

Nella riserva è presente una colonia di aironi cenerini in netta crescia (da una coppia del 1995 fino alle 140 nel 2011) e saltuariamente nidificano l’airone rosso ed il falco di palude.

Una delle specie più interessanti da cercare è il nostro simbolo: la rana di Lataste, una rana “rossa” endemica della pianura padano-veneta che è stata scelta come simbolo perché ben rappresenta i rischi di estinzione dovuti non ad una persecuzione diretta ma all’alterazione dell’ambiente (vive infatti principalmente nei boschi di pianura).

In questi anni si sta assistendo ad una "banalizzazione" della zona umida, dovuta probabilmente all'interramento della palude ed al ruolo del fiume Oglio che "drena" acqua dalla palude, e nel contempo ad un miglioramento della comunità nelle zone coltivate con la presenza fra l'altro di alcune coppie di Averla piccola un piccolo passeriforme che sembra in calo nel resto del territorio, il gradito ritorno della rondine, del picchio verde, della sterpazzola e di molte specie di farfalle notturne.
 

Specie Simbolo

 
	© A. Agapito L.
 La Rana di Lataste