Tu e la biodiversità | WWF Italy

Tu e la biodiversità

 rel=
Un ricercatore tra le piante del Borneo
© WWF / Simon Rawles

Nel 2020 sarà discussa in sede ONU la strategia decennale per fermare la perdita di biodiversità nel mondo. Tre grandi obiettivi: 

  • Arrestare la perdita degli habitat naturali (Zero Loss of Natural Habitats

  • Dimezzare l’impronta ecologica dei processi di produzione e consumo (Halve Footprint of Production and Consumption)

  • arrestare l’estinzione delle specie viventi (Zero Extinction of Species)

 

Verso il New Deal for People and Nature

 

La biodiversità è la varietà degli organismi viventi e degli ecosistemi in cui essi vivono. Ma la biodiversità non è solamente rappresentata dal numero di specie animali o vegetali presenti in un determinato habitat. Infatti esistono anche una biodiversità genetica, rappresentata dal numero di varianti geniche presenti nel DNA di una popolazione o specie, ed una biodiversità ecosistemica, definita dal numero degli habitat, delle comunità viventi e degli ecosistemi all’interno dei quali i diversi organismi vivono e si evolvono.

La biodiversità è un patrimonio universale per tutta l’umanità, per questo conservarla deve diventare la nostra priorità.

Una grande idea con una lunga storia

 
© David Lawson
La biodiversità non è un fenomeno recente, ma è il frutto di 3 miliardi e mezzo di anni di evoluzione. In un certo senso la possiamo paragonare a un’assicurazione, perché garantisce la sopravvivenza della vita sulla Terra.

Ma la parola “biodiversità” è abbastanza nuova: risale al 1985, come contrazione dei termini “diversità biologica”. Un concetto reso popolare da un libro, BioDiversity appunto, scritto dal biologo E. O. Wilson.

Da allora il concetto di biodiversità è entrato nel linguaggio comune e ancora oggi, per fortuna, ne continuiamo a parlare.