perdita_biodiversita | WWF Italy

La drammatica violenza con cui si sta propagando la pandemia da COVID-19 ha reso ormai chiaro a tutti il legame tra malattie zoonotiche - quelle trasmesse dagli animali all'uomo – e il commercio di animali selvatici in mercati asiatici. 

Il 60% delle malattie infettive emergenti sono trasmesse all’uomo da animali e fra queste più del  70% deriva da animali selvatici. Malattie pericolose come SARS, Ebola, Hiv e molte altre ancora, sono collegate al nostro crudele sfruttamento di animali selvatici.

Aumentano i sequestri di prodotti derivati da traffici di animali in Europa 

Sono stati ben 6012, rispetto ai 5644 dell’anno precedente (+7%) i sequestri di prodotti di fauna e flora selvatici illegali effettuati in Europa.  

Oltre 1000 sequestri hanno riguardato prodotti medicinali derivati da piante o animali, per un totale di oltre 7.000 chilogrammi e più di 300.000 unità sequestrate. Cavallucci marini, scaglie di pangolini, ossa di tigre e bile d’orso: tutti rimedi che senza alcun fondamento scientifico in alcune zone del mondo continuano ad essere considerati rimedi medicali.

LEGGI LA NEWS COMPLETA >>

Commercio illegale

“L’epidemia da coronavirus non si sarebbe mai diffusa se 17 anni fa, dopo la SARS, i cinesi avessero chiuso i mercati di animali selvatici vivi. Le soluzioni migliori sono quelle sociali”.


Parola di Jared Diamond, biologo, antropologo, geografo, linguista e ornitologo americano, membro dell’Accademia delle Scienze USA e vincitore del Premio Pulitzer con “Armi acciaio e malattie”, che abbiamo intervistato nei giorni scorsi.

 

“I progressi della scienza e della tecnologia da soli non bastano per fermare le epidemie. Ci vorrà forse un anno per il vaccino, il problema è sociale e la soluzione sarà sociale”.

IL COMMERCIO ILLEGALE DI ANIMALI SELVATICI UCCIDE ANCHE TE. FERMALO ORA.

FIRMA LA PETIZIONE

Chiedi all’Organizzazione Mondiale per la Sanità, a cui è affidato il compito di proteggerci da future pandemie, di avviare tutte le azioni necessarie affinché i mercati di animali selvatici, focolai di pericolose malattie, vengano definitivamente chiusi. 

I mercati di fauna selvatica sono una minaccia per la salute pubblica e un crimine contro la natura

Ma come oggi ognuno di noi, deve far sentire la sua voce per proteggere la natura e mettere in sicurezza quello che abbiamo di più prezioso: la salute. 

FIRMA ORA >>



IL COMMERCIO ILLEGALE DI ANIMALI SELVATICI UCCIDE ANCHE TE

Epidemie e pandemie sono la drammatica conseguenza di quello che stiamo facendo alla natura. Distruggendo le foreste e catturando gli animali selvatici che vivono in questi habitat, esponiamo l’umanità a nuove terribili malattie emergenti, come il COVID-19.

Scimmie, pipistrelli, pangolini, serpenti e tantissimi altri animali vengono commerciati vivi, l’uno vicino all’altro, macellati direttamente sul posto, oppure fatti a pezzi e venduti a peso. 

Aiutaci a fermare il commercio illegale di specie: salva le specie in pericolo e la tua salute!

FERMA IL COMMERCIO ILLEGALE >>

NON POSSIAMO ESSERE SANI IN UN PIANETA MALATO

Esiste un legame strettissimo tra le malattie che stanno terrorizzando il Pianeta e le dimensioni epocali della perdita di natura. Molte delle malattie emergenti come Ebola, AIDS, SARS, influenza aviara, influenza suina e il nuovo coronavirus SARS-CoV-2 (COVID19) non sono catastrofi del tutto casuali, ma sono la conseguenza indiretta del nostro impatto sugli ecosistemi naturali.

La strada della pandemia

Con zoonosi si intendono tutte quelle malattie che si trasmettono dagli animali all’uomo.

Le malattie umane possono essere generate da una grande diversità di microrganismi, ma quelle che destano attualmente un maggiore interesse sono quelle di origine virale e soprattutto le zoonosi, anche dette malattie zoonotiche.

Queste malattie comprendono un gruppo eterogeneo di infezioni, che  possono essere causate da virus, batteri, funghi, altri organismi o agenti proteici non convenzionali (prioni). Le zoonosi conosciute sono molto numerose - oltre 200 secondo l’OMS - e il loro studio costituisce uno dei settori di maggior interesse della medicina umana e veterinaria. Sono zoonosi la rabbia, la leptospirosi, l’antrace, la SARS, la MERS, la febbre gialla, la dengue, l’HIV, Ebola, Chikungunya e i Coronavirus,  ma anche la più diffusa influenza.


Come avviene il contagio

Il contagio può avvenire, a seconda dei casi, per contatto diretto, come per la rabbia, tramite altri organismi vettori, fra cui diversi insetti (es. zanzare) artropodi (es. zecche), o altri veicoli di tipo ambientale e alimentare. Ovviamente per la nostra specie sono più pericolose quelle zoonosi che si trasmettono non solo dagli animali, ma che successivamente si adattano alla nostra specie consentendo, come per il virus ebola, che la malattia si diffonda tra uomo e uomo. Le zoonosi che riescono a trasmettersi da umano a umano sono le più pericolose perché con miliardi di esseri umani che si assembrano, socializzano e viaggiano possono generare vere e proprie epidemie se non pandemie, favorite dalla crescente globalizzazione. 

Tra tutte le malattie emergenti le zoonosi di origine selvatica potrebbero rappresentare in futuro la più consistente minaccia per la salute della popolazione mondiale. Il 60% delle malattie infettive emergenti sono trasmesse all’uomo da animali e fra queste più del 70% deriva da animali selvatici.  Le zoonosi causano ogni anno circa un miliardo di casi di malattia e milioni di morti.  

Leggi il nuovo report WWF >>

FORESTE: IL NOSTRO ANTIVIRUS

Nel 2019 sono bruciate l’Amazzonia e le foreste del cuore dell’Africa. Nel 2020 solo in Australia sono andati in fumo 12 milioni di ettari.  

Abbiamo già distrutto la metà della superficie forestale del pianeta e la terribile pandemia che stiamo vivendo  è collegata anche alla distruzione delle foreste. Ogni anno perdiamo 15 milioniardi miliardi di alberi. 

Le foreste sono habitat per l’80% della biodiversità terrestre, ed ecosistemi in cui vivono milioni di specie in gran parte ignote alla scienza, che comprendono virus, batteri, funghi e molti altri organismi, anche parassiti, che vivono in equilibrio con l’ambiente e le specie con le quali si sono evoluti. Le foreste forniscono un’infinità di servizi alla vita sul pianeta, fra cui non ultimo la protezione della nostra salute. 

Le foreste sono il nostro antivirus naturale!

LEGGI LA NEWS COMPLETA >>

COME IL CUNSUMO DI BUSHMEAT MINACCIA LA SALUTE UMANA

Bushmeat significa letteralmente "CARNE di FORESTA" e indica il consumo illegale di specie selvatiche. A fine alimentare vengono cacciate le più svariate specie animali, dai rettili ai pangolini, dalle antilopi agli ippopotami, per arrivare drammaticamente alle grandi scimmie come gli scimpanzé e i gorilla.

Caccia, consumo di bushmeat e commercio di fauna selvatica espongono l’uomo al contatto con virus o altri agenti patogeni di cui l’animale colpito può essere un ospite.

È già accaduto per il virus della SARS nel 2002-2003, che è emerso dai pipistrelli, è passato alle civette delle palme (un mammifero viverride) e, infine, ha infettato le persone nei mercati di animali vivi della Cina meridionale. Ugualmente, si sospetta che la recente epidemia di Coronavirus sia scoppiata in uno dei tanti mercati cinesi, dove sono in vendita animali selvatici tra cui i pipistrelli frugivori e altre specie selvatiche

LEGGI LA NEWS COMPLETA >>

CONDIVIDI SU FACEBOOK:

 

CONDIVIDI SU TWITTER:

AVVENTURE IN CASA E SGUARDI SUL MONDO

Come affrontare la quarantena forzata con i consigli del WWF

ALL'ORIGINE DELLA PANDEMIA

Scienziati ed esperti di natura
ci aiutano a comprendere il fenomeno del coronavirus.

WWF Talk - Alle origini del Coronavirus

Il fenomeno dello spillover


Roberto Danovaro, ecologo Università Politecnica delle Marche, spiega il fenomeno dello spillover e perchè è collegato alla diffusione del coronavirus. 

 

Uno sguardo sul coronavirus

Il parere degli scienziati

Guarda le inteviste di:
David Quammen - Che tempo che fa >>
Telmo Pievani - Università di Padova >>



 

Epidemie e ambienti naturali >>

Gianfranco Bologna, presidente onorario comitato scientifico WWF, di  Barbara Gallavotti, intervistato dalla divulgatrice scientifica e consigliere per il coordinamento scientifico del Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia Leonardo da Vinci, Barbara Gallavotti, spiega il rapporto tra epidemie e ambienti naturali. 


Perché è importante difendere le foreste >>

Isabella Pratesi, direttore conservazione WWF Italia, ci racconta perché è importante difendere le foreste nel mondo. 
 

Esiste un legame tra pandemie e distruzione degli ecosistemi >>

Marco Galaverni, direttore scientifico WWF Italia, ci spiega la connessione tra perdita di natura e virus emergenti, di cui si parla nell'ultimo report WWF "Pandemie: l'effetto boomerang della distruzione degli ecosistemi".


All'origine delle pandemia >> 

Intervista a Marco Delogu, virologo Responsabile del Laboratorio di Ecologia dei Patogeni Dipartimento di Scienze Mediche Veterinarie Università di Bologna.

Ultime notizie

Il WWF promuove il turismo marino a supporto della piccola pesca

WWF Italia e WWF Travel con le marinerie di Porto Cesareo (Puglia) e Sinis (Sardegna)

08 Aug 2020 Leggi tutto »

Al via il concorso fotografico di WWF SUB

"Mediterraneo, un mare da scoprire" è il titolo del contest rivolto a tutti gli amanti della subacquea

06 Aug 2020 Leggi tutto »