Il ritorno della lontra nell'Oasi di Pignola | WWF Italy

Il ritorno della lontra nell'Oasi di Pignola

Notizie pubblicate su 27 November 2019
La lontra nel lago di Pignola, Oasi WWF
© Gerry Pietrafesa
 
A pochi giorni da quelle riprese nell’Oasi di Persano, nel fiume Sele in Campania – dove ormai non è raro osservarle in pieno giorno -, immagini davvero spettacolari provengono dall’Oasi del Pantano di Pignola vicino Potenza (autore Remo Bartolomei), dove una lontra emerge in superficie con una grossa preda, probabilmente una carpa. Le Oasi del WWF si confermano quindi un rifugio fondamentale per la popolazione italiana di lontra, concentrata in gran parte nelle regioni meridionali. Le stime parlano di una popolazione complessiva tra i 600 e gli 800 individui, comunque al di sotto del migliaio e quindi ancora in una situazione di rischio. Per il futuro è necessario continuare l’azione di tutela degli ambienti frequentati da questo splendido animale, tra l’altro indicatore ecologico per eccellenza della salute delle acque interne. 
 
Le Oasi del WWF continueranno ad essere strategiche e punto di riferimento a livello nazionale anche nelle attività di sensibilizzazione e di monitoraggio sulla specie. Fortunatamente le lontre non sono un’eccezione: le Oasi del WWF sono roccaforti importanti e insostituibili per molti animali. Hanno infatti contribuito a salvare specie, tra le tante, come il cervo sardo, nell’Oasi di Monte Arcosu, in Sardegna, a mantenere nuclei di popolazioni vulnerabili, come nel caso della gallina prataiola in quella delle Steppe, sempre in Sardegna, o della pernice bianca in Valtrigona, Trentino, ad essere sede di reintroduzione, come nel caso del camoscio appenninico nell’ex oasi di Lama dei Peligni, oggi Parco nazionale della Majella, ad ospitare una buona parte della popolazione nidificante di falco pescatore (Oasi di Orbetello e Orti Bottagone). Hanno poi contribuito al ritorno del lupo – grazie alle oasi appenniniche – e a dare rifugio a molte specie di anfibi, tra cui specie in netto declino. 
 
Antonio Canu, Presidente di WWF Oasi:  "La lontra nell’Oasi di Pignola – così come quelle di Persano e delle Grotte del Bussento nel Cilento, altra oasi WWF -, è la dimostrazione che se questo animale, particolarmente diffidente ed elusivo, si sente tranquillo e al sicuro, si lascia ammirare. Sono immagini spettacolari, uniche per l’Italia”. 
La lontra nel lago di Pignola, Oasi WWF
© Gerry Pietrafesa Enlarge
Pignola
© A. Cerverizzo Enlarge